Pagina 1 di 9 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 83

Discussione: lettura del giorno

  1. #1
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito lettura del giorno

    buongiorno amiche del forum,da oggi voglio inserire oltre al vangelo giornaliero,anche la lettura del giorno,per arricchirci interiormente e deliziarvi di belle parole ed esempi .Buona lettura a tutte.............francesca
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  2. Per questo Post, l'utente francesca giordano e' stato ringraziato da:

    corbi (03-07-2013)

  3. #2
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Martedì della XIII settimana delle ferie del Tempo Ordinario

    Libro della Genesi 19,15-29.
    Quando apparve l'alba, gli angeli fecero premura a Lot, dicendo: "Su, prendi tua moglie e le tue figlie che hai qui ed esci per non essere travolto nel castigo della città".
    Lot indugiava, ma quegli uomini presero per mano lui, sua moglie e le sue due figlie, per un grande atto di misericordia del Signore verso di lui; lo fecero uscire e lo condussero fuori della città.
    Dopo averli condotti fuori, uno di loro disse: "Fuggi, per la tua vita. Non guardare indietro e non fermarti dentro la valle: fuggi sulle montagne, per non essere travolto!".
    Ma Lot gli disse: "No, mio Signore!
    Vedi, il tuo servo ha trovato grazia ai tuoi occhi e tu hai usato una grande misericordia verso di me salvandomi la vita, ma io non riuscirò a fuggire sul monte, senza che la sciagura mi raggiunga e io muoia.
    Vedi questa città: è abbastanza vicina perché mi possa rifugiare là ed è piccola cosa! Lascia che io fugga lassù - non è una piccola cosa? - e così la mia vita sarà salva".
    Gli rispose: "Ecco, ti ho favorito anche in questo, di non distruggere la città di cui hai parlato.
    Presto, fuggi là perché io non posso far nulla, finché tu non vi sia arrivato". Perciò quella città si chiamò Zoar.
    Il sole spuntava sulla terra e Lot era arrivato a Zoar,
    quand'ecco il Signore fece piovere dal cielo sopra Sòdoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco proveniente dal Signore.
    Distrusse queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti delle città e la vegetazione del suolo.
    Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale.
    Abramo andò di buon mattino al luogo dove si era fermato davanti al Signore;
    contemplò dall'alto Sòdoma e Gomorra e tutta la distesa della valle e vide che un fumo saliva dalla terra, come il fumo di una fornace.
    Così, quando Dio distrusse le città della valle, Dio si ricordò di Abramo e fece sfuggire Lot alla catastrofe, mentre distruggeva le città nelle quali Lot aveva abitato.
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  4. #3
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 2,19-22.
    Fratelli, voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio,
    edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, e avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù.
    In lui ogni costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore;
    in lui anche voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio per mezzo dello Spirito.
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  5. #4
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro della Genesi 23,1-4.19.24,1-8.10.62-67.
    Gli anni della vita di Sara furono centoventisette: questi furono gli anni della vita di Sara.
    Sara morì a Kiriat-Arba, cioè Ebron, nel paese di Cànaan, e Abramo venne a fare il lamento per Sara e a piangerla.
    Poi Abramo si staccò dal cadavere di lei e parlò agli Hittiti:
    "Io sono forestiero e di passaggio in mezzo a voi. Datemi la proprietà di un sepolcro in mezzo a voi, perché io possa portar via la salma e seppellirla".
    Dopo, Abramo seppellì Sara, sua moglie, nella caverna del campo di Macpela di fronte a Mamre, cioè Ebron, nel paese di Cànaan.
    Abramo era ormai vecchio, avanti negli anni, e il Signore lo aveva benedetto in ogni cosa.
    Allora Abramo disse al suo servo, il più anziano della sua casa, che aveva potere su tutti i suoi beni: "Metti la mano sotto la mia coscia
    e ti farò giurare per il Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che non prenderai per mio figlio una moglie tra le figlie dei Cananei, in mezzo ai quali abito,
    ma che andrai al mio paese, nella mia patria, a scegliere una moglie per mio figlio Isacco".
    Gli disse il servo: "Se la donna non mi vuol seguire in questo paese, dovrò forse ricondurre tuo figlio al paese da cui tu sei uscito?".
    Gli rispose Abramo: "Guardati dal ricondurre là mio figlio!
    Il Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che mi ha tolto dalla casa di mio padre e dal mio paese natio, che mi ha parlato e mi ha giurato: Alla tua discendenza darò questo paese, egli stesso manderà il suo angelo davanti a te, perché tu possa prendere di là una moglie per il mio figlio.
    Se la donna non vorrà seguirti, allora sarai libero dal giuramento a me fatto; ma non devi ricondurre là il mio figlio".
    Il servo prese dieci cammelli del suo padrone e, portando ogni sorta di cose preziose del suo padrone, si mise in viaggio e andò nel Paese dei due fiumi, alla città di Nacor.
    Intanto Isacco rientrava dal pozzo di Lacai-Roi; abitava infatti nel territorio del Negheb.
    Isacco uscì sul fare della sera per svagarsi in campagna e, alzando gli occhi, vide venire i cammelli.
    Alzò gli occhi anche Rebecca, vide Isacco e scese subito dal cammello.
    E disse al servo: "Chi è quell'uomo che viene attraverso la campagna incontro a noi?". Il servo rispose: "È il mio padrone". Allora essa prese il velo e si coprì.
    Il servo raccontò ad Isacco tutte le cose che aveva fatte.
    Isacco introdusse Rebecca nella tenda che era stata di sua madre Sara; si prese in moglie Rebecca e l'amò. Isacco trovò conforto dopo la morte della madre
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  6. Per questo Post, l'utente francesca giordano e' stato ringraziato da:

    morgana bell (05-07-2013)

  7. #5
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro della Genesi 27,1-5.15-29.
    Isacco era vecchio e gli occhi gli si erano così indeboliti che non ci vedeva più. Chiamò il figlio maggiore, Esaù, e gli disse: "Figlio mio". Gli rispose: "Eccomi".
    Riprese: "Vedi, io sono vecchio e ignoro il giorno della mia morte.
    Ebbene, prendi le tue armi, la tua farètra e il tuo arco, esci in campagna e prendi per me della selvaggina.
    Poi preparami un piatto di mio gusto e portami da mangiare, perché io ti benedica prima di morire".
    Ora Rebecca ascoltava, mentre Isacco parlava al figlio Esaù. Andò dunque Esaù in campagna a caccia di selvaggina da portare a casa.
    Rebecca prese i vestiti migliori del suo figlio maggiore, Esaù, che erano in casa presso di lei, e li fece indossare al figlio minore, Giacobbe;
    con le pelli dei capretti rivestì le sue braccia e la parte liscia del collo.
    Poi mise in mano al suo figlio Giacobbe il piatto e il pane che aveva preparato.
    Così egli venne dal padre e disse: "Padre mio". Rispose: "Eccomi; chi sei tu, figlio mio?".
    Giacobbe rispose al padre: "Io sono Esaù, il tuo primogento. Ho fatto come tu mi hai ordinato. Alzati dunque, siediti e mangia la mia selvaggina, perché tu mi benedica".
    Isacco disse al figlio: "Come hai fatto presto a trovarla, figlio mio!". Rispose: "Il Signore me l'ha fatta capitare davanti".
    Ma Isacco gli disse: "Avvicinati e lascia che ti palpi, figlio mio, per sapere se tu sei proprio il mio figlio Esaù o no".
    Giacobbe si avvicinò ad Isacco suo padre, il quale lo tastò e disse: "La voce è la voce di Giacobbe, ma le braccia sono le braccia di Esaù".
    Così non lo riconobbe, perché le sue braccia erano pelose come le braccia di suo fratello Esaù, e perciò lo benedisse.
    Gli disse ancora: "Tu sei proprio il mio figlio Esaù?". Rispose: "Lo sono".
    Allora disse: "Porgimi da mangiare della selvaggina del mio figlio, perché io ti benedica". Gliene servì ed egli mangiò, gli portò il vino ed egli bevve.
    Poi suo padre Isacco gli disse: "Avvicinati e baciami, figlio mio!".
    Gli si avvicinò e lo baciò. Isacco aspirò l'odore degli abiti di lui e lo benedisse: "Ecco l'odore del mio figlio come l'odore di un campo che il Signore ha benedetto.
    Dio ti conceda rugiada del cielo e terre grasse e abbondanza di frumento e di mosto.
    Ti servano i popoli e si prostrino davanti a te le genti. Sii il signore dei tuoi fratelli e si prostrino davanti a te i figli di tua madre. Chi ti maledice sia maledetto e chi ti benedice sia benedetto!".
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  8. Per questo Post, l'utente francesca giordano e' stato ringraziato da:

    morgana bell (06-07-2013)

  9. #6
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro di Isaia 66,10-14c.
    Rallegratevi con Gerusalemme, esultate per essa quanti la amate. Sfavillate di gioia con essa voi tutti che avete partecipato al suo lutto.
    Così succhierete al suo petto e vi sazierete delle sue consolazioni; succhierete, deliziandovi, all'abbondanza del suo seno.
    Poiché così dice il Signore: "Ecco io farò scorrere verso di essa, come un fiume, la prosperità; come un torrente in piena la ricchezza dei popoli; i suoi bimbi saranno portati in braccio, sulle ginocchia saranno accarezzati.
    Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati.
    Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore, le vostre ossa saran rigogliose come erba fresca. La mano del Signore si farà manifesta ai suoi servi, ma si sdegnerà contro i suoi nemici.
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  10. Per questo Post, l'utente francesca giordano e' stato ringraziato da:

    morgana bell (07-07-2013)

  11. #7
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro della Genesi 28,10-22a.
    Giacobbe partì da Bersabea e si diresse verso Carran.
    Capitò così in un luogo, dove passò la notte, perché il sole era tramontato; prese una pietra, se la pose come guanciale e si coricò in quel luogo.
    Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa.
    Ecco il Signore gli stava davanti e disse: "Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza.
    La tua discendenza sarà come la polvere della terra e ti estenderai a occidente e ad oriente, a settentrione e a mezzogiorno. E saranno benedette per te e per la tua discendenza tutte le nazioni della terra.
    Ecco io sono con te e ti proteggerò dovunque tu andrai; poi ti farò ritornare in questo paese, perché non ti abbandonerò senza aver fatto tutto quello che t'ho detto".
    Allora Giacobbe si svegliò dal sonno e disse: "Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo".
    Ebbe timore e disse: "Quanto è terribile questo luogo! Questa è proprio la casa di Dio, questa è la porta del cielo".
    Alla mattina presto Giacobbe si alzò, prese la pietra che si era posta come guanciale, la eresse come una stele e versò olio sulla sua sommità.
    E chiamò quel luogo Betel, mentre prima di allora la città si chiamava Luz.
    Giacobbe fece questo voto: "Se Dio sarà con me e mi proteggerà in questo viaggio che sto facendo e mi darà pane da mangiare e vesti per coprirmi,
    se ritornerò sano e salvo alla casa di mio padre, il Signore sarà il mio Dio.
    Questa pietra, che io ho eretta come stele, sarà una casa di Dio; di quanto mi darai io ti offrirò la decima".
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  12. I seguenti 2 utenti ringraziano francesca giordano per questa discussione:

    corbi (08-07-2013), morgana bell (08-07-2013)

  13. #8
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro della Genesi 32,23-33.
    Durante quella notte egli si alzò, prese le due mogli, le due schiave, i suoi undici figli e passò il guado dello Iabbok.
    Li prese, fece loro passare il torrente e fece passare anche tutti i suoi averi.
    Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allo spuntare dell'aurora.
    Vedendo che non riusciva a vincerlo, lo colpì all'articolazione del femore e l'articolazione del femore di Giacobbe si slogò, mentre continuava a lottare con lui.
    Quegli disse: "Lasciami andare, perché è spuntata l'aurora". Giacobbe rispose: "Non ti lascerò, se non mi avrai benedetto!".
    Gli domandò: "Come ti chiami?". Rispose: "Giacobbe".
    Riprese: "Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perché hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto!".
    Giacobbe allora gli chiese: "Dimmi il tuo nome". Gli rispose: "Perché mi chiedi il nome?". E qui lo benedisse.
    Allora Giacobbe chiamò quel luogo Penuel "Perché - disse - ho visto Dio faccia a faccia, eppure la mia vita è rimasta salva".
    Spuntava il sole, quando Giacobbe passò Penuel e zoppicava all'anca.
    Per questo gli Israeliti, fino ad oggi, non mangiano il nervo sciatico, che è sopra l'articolazione del femore, perché quegli aveva colpito l'articolazione del femore di Giacobbe nel nervo sciatico.
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  14. #9
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro della Genesi 41,55-57.42,5-7a.17-24a.
    Poi tutto il paese d'Egitto cominciò a sentire la fame e il popolo gridò al faraone per avere il pane. Allora il faraone disse a tutti gli Egiziani: "Andate da Giuseppe; fate quello che vi dirà".
    La carestia dominava su tutta la terra. Allora Giuseppe aprì tutti i depositi in cui vi era grano e vendette il grano agli Egiziani, mentre la carestia si aggravava in Egitto.
    E da tutti i paesi venivano in Egitto per acquistare grano da Giuseppe, perché la carestia infieriva su tutta la terra.
    Arrivarono dunque i figli d'Israele per acquistare il grano, in mezzo ad altri che pure erano venuti, perché nel paese di Cànaan c'era la carestia.
    Ora Giuseppe aveva autorità sul paese e vendeva il grano a tutto il popolo del paese. Perciò i fratelli di Giuseppe vennero da lui e gli si prostrarono davanti con la faccia a terra.
    Giuseppe vide i suoi fratelli e li riconobbe, ma fece l'estraneo verso di loro, parlò duramente e disse: "Di dove siete venuti?". Risposero: "Dal paese di Cànaan per comperare viveri".
    E li tenne in carcere per tre giorni.
    Al terzo giorno Giuseppe disse loro: "Fate questo e avrete salva la vita; io temo Dio!
    Se voi siete sinceri, uno dei vostri fratelli resti prigioniero nel vostro carcere e voi andate a portare il grano per la fame delle vostre case.
    Poi mi condurrete qui il vostro fratello più giovane. Allora le vostre parole si dimostreranno vere e non morirete". Essi annuirono.
    Allora si dissero l'un l'altro: "Certo su di noi grava la colpa nei riguardi di nostro fratello, perché abbiamo visto la sua angoscia quando ci supplicava e non lo abbiamo ascoltato. Per questo ci è venuta addosso quest'angoscia".
    Ruben prese a dir loro: "Non ve lo avevo detto io: Non peccate contro il ragazzo? Ma non mi avete dato ascolto. Ecco ora ci si domanda conto del suo sangue".
    Non sapevano che Giuseppe li capiva, perché tra lui e loro vi era l'interprete.
    Allora egli si allontanò da loro e pianse. Poi tornò e parlò con essi. Scelse tra di loro Simeone e lo fece incatenare sotto i loro occhi.
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  15. #10
    francesca giordano è offline Crocettina Silver
    Data Registrazione
    03-02-2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,649
    Inserzioni Blog
    2
    Grazie
    1,705
    Ringraziato 909 volte in 607 Discussioni

    Predefinito

    Libro de Proverbi 2,1-9.
    Figlio mio, se tu accoglierai le mie parole e custodirai in te i miei precetti,
    tendendo il tuo orecchio alla sapienza, inclinando il tuo cuore alla prudenza,
    se appunto invocherai l'intelligenza e chiamerai la saggezza,
    se la ricercherai come l'argento e per essa scaverai come per i tesori,
    allora comprenderai il timore del Signore e troverai la scienza di Dio,
    perché il Signore dà la sapienza, dalla sua bocca esce scienza e prudenza.
    Egli riserva ai giusti la sua protezione, è scudo a coloro che agiscono con rettitudine,
    vegliando sui sentieri della giustizia e custodendo le vie dei suoi amici.
    Allora comprenderai l'equità e la giustizia, e la rettitudine con tutte le vie del bene,
    E' importante non limitarsi ad aiutare qualcuno per dovere o per diletto.
    Se lo si fa con amore e compassione, con un sorriso e con parole gentili,
    si procura di certo una gioia agli altri.
    L'atto in se stesso può sembrare identico,ma i benefici che esso comporta sono infinitamente superiori.
    (Dalai Lama)

  16. Per questo Post, l'utente francesca giordano e' stato ringraziato da:

    corbi (11-07-2013)

Pagina 1 di 9 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. GRUPPO DI LETTURA: sondaggio.
    Di aimiy nel forum Mondo Libri
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 25-09-2014, 08:40
  2. Aiuto per lettura schemi
    Di Minga nel forum Uncinetto
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-10-2012, 23:53
  3. Lettura schemi
    Di silvia nel forum Uncinetto
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 20-01-2012, 12:36
  4. Mi serve un consiglio di lettura
    Di Chiaranonta nel forum Mondo Libri
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-07-2011, 15:07
  5. Amare la lettura
    Di AnnaEmme nel forum A scuola con Malù
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-11-2009, 17:55

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •