Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: insufficienza venosa organica e funzionale

  1. #1
    L'avatar di anna lela
    anna lela è offline Moderatrice
    Data Registrazione
    09-08-2010
    Località
    provincia di modena
    Messaggi
    12,865
    Grazie
    4,923
    Ringraziato 14,390 volte in 5,336 Discussioni

    Predefinito insufficienza venosa organica e funzionale

    Insufficienza venosa organica e funzionale.
    L’insufficienza organica è data da patologie come varici,esiti di trombosi venosa,ecc..
    L’insufficienza funzionale è l’indice di un sovraccarico funzionale delle vene,che pur essendo normali devono svolgere un lavoro eccessivo (alterazioni della postura e linfedema=insufficiente drenaggio linfatico).
    Il linfedema provoca un aumento dei liquidi e si forma l’edema. Le varici che sono dilatazioni della parete venosa,possono essere causate da :uso della pillola anticoncezionale,numero di gravidanze,ritenzione idrica,sovrappeso,stipsi severa,stare molto sedute a gambe incrociate, menopausa, debolezza del tessuto connettivo, predisposizione.
    Cattiva alimentazione,eccessivo consumo di sigarette(il fumo restringe le vene),caffè ed alcolici possono essere un’ulteriore concausa
    Sintomi: gonfiore,pesantezza delle gambe,crampi notturni,tensione e dolore,ecc..
    Quando le gambe si stancano facilmente le volte che dobbiamo compiere uno sforzo come salire le rampe di scale ,camminare velocemente,giocare a tennis ecc..,non è perché siamo fuori allenamento,ma perché il muscolo non riceve sangue a sufficienza e quindi non arriva l’ossigeno necessario per svolgere il lavoro richiesto. Anche lo stare in piedi per lungo tempo rende difficile il ritorno venoso ,il sangue ristagna e tende la parete venosa che con il tempo diventa sempre più debole e si dilata. Per questo sarebbe di grande aiuto fare attività sportiva,come camminare,nuotare,ecc.. Un altro esempio è che di sera i piedi e le caviglie sono gonfi e la scarpa ci dà fastidio, la causa è il ristagno a livello del capillare ,con il riposo serale e l’essere sdraiati le caviglie tornano sottili . Questo potrà durare per qualche anno,fino a quando il sovraccarico diventerà eccessivo e le vene si dilateranno e diventeranno meno efficienti,cominceranno a comparire i capillari,poi si vedranno le vene e questo è il segnale che la struttura comincia a cedere.
    Possono essere di aiuto:
    docce caldo-fredde almeno una volta al giorno in estateartite dal piede ed arrivate alle cosce,cambiate ogni 10/15 secondi,finite sempre con l’acqua fredda. Per chi frequenta le terme,è il percorso Kneipp.
    In estate fare attenzione all’esposizione prolungata al sole.
    La sera mentre guardate la tv tenete le gambe rialzate,idem quando siete a letto.
    Bevete acqua,evitate i tacchi molto alti e gli indumenti molto stretti.
    Usate un gel rinfrescante( non freddissimo) e massaggiate dal basso verso l’alto.
    Stretching , bicicletta ,nuoto e ginnastica dolce vanno benissimo. Lo yoga è molto indicato perché migliora la respirazione e quindi favorisce l’ossigenazione dei tessuti.
    Non eccedere nel consumo di solonacee,grassi , latticini e zuccheri. Attenzione al sale.
    Ottimi gli alimenti che contengono rutina ,una sostanza che serve per mantenere l’elasticità delle vene:
    ciliegie,rosa canina,agrumi ,mirtilli,albicocche,grano saraceno,bietole,peperoncino,aglio,cipolla ,zenero.
    Piante che possono essere di aiuto:
    Centella asiatica,molto importante per l’elasticità delle vene e per il miglioramento del flusso sanguigno.
    Rusco aculeatus o pungitopo, indicato per gli edemi,varici,gonfiori,dolore e pesantezza alle gambe, crampi,prurito agli arti ,ritenzione idrica e cellulite. Agisce sia a livello venoso profondo che superficiale. Vasocostrittore.Interferisce con alcuni farmaci alfa antagonisti ( usati per l’ipertensione,ecc..). Nel caso utilizziate questo tipo di farmaci chiedete informazioni al personale specializzato.
    Mirtillo nero, utile nella dilatazione dei capillari, rinforza il tessuto connettivo che sostiene il vaso sanguigno, previene le microemmoragie.
    Amamelide astringente,antiemorragica e vasocostrittrice venosa.
    Vite rossa azione antiossidante,aumenta la resistenza del capillare.
    Cipresso azione vasocostrittrice ed astringente, fragilità capillare con dolore.
    Ippocastano fragilità capillare,varici,riduce la stasi,aumenta la resistenza del capillare. Ottimo per le emorroidi.
    Associare un integratore di magnesio.
    Per chi assume farmaci particolari o è in gravidanza possono essere usati i gemmo derivati:
    sorbo domestico :tonico della parete venosa,antinfiammatorio
    Castagnoesantezza degli arti ,agisce sui vasi linfatici.
    Linfa di betulla:ritenzione idrica,cellulite,edema linfatico.
    Se avete domande sono qui….










    LA CIVILTA' DI UN POPOLO SI MISURA NEL MODO IN CUI TRATTA GLI ANIMALI




    (M. Gandhi)



  2. I seguenti 5 utenti ringraziano anna lela per questa discussione:

    baby1264 (05-07-2012), bigmammy (26-05-2011), bluenady (16-06-2011), mirty (26-05-2012), nuna60 (05-03-2013)

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •