megghy.com
 Mondo Blu
Pazzo web -News -Freeware -Cartoline -Mini portale -Giochi gratis -Playstation -Radio on-line -Link -@Mail -Forum -Guestbook
Canzoni Chiesa -Aforismi -Gif -Collezioni -Sfondi -Musica -Mondo Bimbi -Fai da te -Spazio Ospiti -Umor -Roccaforte del Greco
<<FAI DA TE
HOME >>
 

RIVESTIMENTO IN PERLINE

 
 

Versione stampabile

Il rivestimento in perline è senz'altro uno dei più facili da realizzare, grazie alla limitata dimensione in larghezza delle perline stesse e al fatto che gli eventuali errori possono sempre essere corretti. Anche chi non ha mai effettuato questo lavoro prende pratica in breve tempo e riesce ad applicare perline molto rapidamente anche su superfici estese e in presenza di diverse rientranze o sporgenze.

 

Tipi
Le perline sono tavole di spessore e lunghezza variabili, particolarmente lavorate lungo i bordi in modo da potersi incastrare una nell'altra per mezzo di lunghi "maschi" ed altrettanto lunghe scanalature femmina. In commercio si trovano perline in diversi legni, i più comuni sono: abete, pino (nazionale, di Svezia, pitch-pine), douglas, larice, ma non mancano perline in essenze più pregiate per rivestimenti particolari.

Le loro dimensioni sono varie sulla base del tipo di rivestimento:
da interni si utilizzano perline dello spessore di 8-10 mm e della larghezza di 10-10,5-11-12 cm.
Per gli esterni le lunghezze più usuali sono di 2-3-4 metri. da esterno (sottotetti, perlinature a vista, ecc.) si utilizzano elementi dello spessore di 25-30 mm, ma se questi devono avere anche una funzione strutturale, possono arrivare fino a 40 mm. Particolarmente utili per questo scopo sono le perline di larice, un legno che sopporta molto bene le aggressioni degli agenti atmosferici.

La faccia "a vista" delle perline può essere variamente elaborata: si va dalla semplice faccia liscia a quella modanata con incavo centrale che può essere a sezione triangolare, rettangolare o di profilo vario. Anche i bordi delle perline sono diversi: vi sono quelli diritti e quelli smussati e arrotondati. Esistono anche interessanti perline la cui faccia a vista è semitonda: quando sono applicate, simulano la presenza di tanti tronchi accostati come nelle tradizionali baite di montagna.
Si trovano in commercio perline "nude" ossia non trattate, alle quali deve essere applicato un impregnante protettivo e vernici trasparenti prima della posa; perline "prefinite" che possono essere posate direttamente, dato che sono già trattate.


Attenzione
Quando si procede alla verniciatura ed alla eventuale mordenzatura conviene tenere sempre molto chiaro il colore delle perline: ci penserà la luce del sole ed il passare del tempo ad ingiallirle e a scurirle notevolmente. Privilegiate l'acquisto di perline in pacchi sigillati che riducono il rischio di svergolature delle singole perline, le proteggono dagli urti del trasporto e impediscono l'assorbimento di umidità in caso di immagazzinaggio in luoghi umidi.

Preparazione della parete

Poiché le perline hanno uno spessore rilevante che può andare dagli 8 ai 30 mm è necessario togliere dalla parete i comandi elettrici per poterli riportare sulla superficie rivestita.

Dopo aver scollegato la tensione all'interruttore generale, asportate le mascherine di prese e interruttori e staccate i conduttori dai frutti, poi isolatene i terminali e raggruppateli all'interno della cassetta, dove li fermate con un poco di carta da giornale pressata.


Calcolate di quanto la perlina risulterà sporgente rispetto alla superficie originaria della parete: dovrete spostare verso l'esterno la cassetta murata di una pari misura, altrimenti sarebbe impossibile ricollocare al suo posto la mascherina.
Verificate accuratamente che la parete non sia umida o che presenti danneggiamenti diversi quali parti sgretolate, fessure, ecc. Anche in questi casi intervenite asportando le parti malridotte e ricostituendo la superficie con materiali sigillanti o con rappezzi dell'intonaco.

 

Allo scopo potete utilizzare un prodotto antiumidità che lascia traspirare il muro ma non lascia fuoriuscire l'umido, che danneggerebbe il legno della perlina. Se intendete utilizzare perline non pretrattate con materiali protettivi e di finitura, dovete, per prima cosa, applicare su di esse una mano di impregnante protettivo trasparente.

Intelaiatura di listelli
 

L'applicazione delle perline si esegue, quasi sempre, su un'intelaiatura di listelli fissati alla parete. In determinate situazioni (muri interni, particolarmente asciutti e assolutamente regolari), e per estensioni limitate, è possibile applicare direttamente le perline alla parete.

Per realizzare l'intelaiatura collocate, sulla parete da rivestire, una serie di listelli orizzontali dello spessore minimo di 30 mm, alti da 30 a 50 mm, su cui successivamente inchioderete le perline.

I listelli possono essere larghi quanto la parete da rivestire o più corti e collocati in posizione sfalsata per realizzare un miglior sostegno. Prima del fissaggio al muro trattate i listelli con due mani di protettivo impregnante in modo che anche se la parete presentasse occasionalmente una certa umidità, i listelli non ne sarebbero danneggiati.

Il primo listello lo collocate in basso, quasi a contatto con il pavimento, e l'ultimo vicino al soffitto in modo da costituire un sicuro appoggio per le estremità delle perline. Il fissaggio a parete deve essere eseguito per mezzo di tasselli ad espansione, con corpo centrale a vite con testa fresata.

Forate il muro nei punti opportuni e poi forate i listelli in modo che la vite del tassello possa attraversarli. Inserite la parte ad espansione nel muro e bloccate i listelli saldamente, avvitandoli.

Abbiate cura di affondare la testa delle viti nella superficie del legno in modo che essa non causi intralcio all'appoggio delle perline. Quando tutta la parete è equipaggiata con i listelli di supporto, potete passare al rivestimento con le perline.

Allo scopo potete utilizzare un prodotto antiumidità che lascia traspirare il muro ma non lascia fuoriuscire l'umido, che danneggerebbe il legno della perlina. Se intendete utilizzare perline non pretrattate con materiali protettivi e di finitura, dovete, per prima cosa, applicare su di esse una mano di impregnante protettivo trasparente.
--------------------------------------------------------------------------------

Applicazione
 

Tagliate la prima perlina più corta di 10 mm rispetto all'altezza totale del locale e collocatela in prossimità di un angolo in modo che la parte "maschio" si appoggi alla parete adiacente. Verificate la perfetta perpendicolarità di questa prima perlina con il filo a piombo e quindi bloccatela ai listelli per mezzo delle apposite graffette.

Le graffette sono costituite da piastrine in lamiera zincata dotate di un dente che si inserisce nella scanalatura femmina.
Inchiodate la piastrina al listello ed avete eseguito il bloccaggio della perlina. Non è necessario collocare una piastrina su ogni listello d'appoggio: ad esempio se i listelli sono 7 le piastrine di collegamento possono essere anche solamente 4. Quando la prima perlina è ben fissata tagliate la seconda e incastratela nella scanalatura della prima.

Eseguite l'incastro con la semplice spinta delle mani anche se, per far penetrare tutto il dente nella scanalatura, conviene che battiate sulla seconda perlina lateralmente, con un martelletto, dopo aver interposto un pezzetto di legno. Fissate ai listelli anche la seconda perlina (ponendo le piastrine su listelli ai quali la perlina precedente non era stata vincolata).

Si consiglia di tagliare le perline singolarmente o, al massimo, a 2-3 per volta in quanto molto spesso capita che la distanza tra pavimento e soffitto, lungo la parete, non sia costante e ci si può trovare, se si tagliassero tutte in una volta sola alla stessa misura, con perline più corte di 2 o 3 cm rispetto alla parete. Proseguite nel modo indicato fino ad aver rivestito tutta la parete.

Naturalmente, in corrispondenza di prese, interruttori o altri infissi che sporgono dal muro, dovrete praticare delle sagomature sulle perline per mezzo del seghetto alternativo cercando di non fare aperture troppo grosse che poi non possono essere occultate facilmente. Quando raggiungete l'angolo opposto della parete quasi certamente dovrete tagliare per il lungo una perlina in quanto è ben raro il caso che la larghezza di una parete sia esattamente un multiplo della larghezza della perlina.

Raccordi e finiture
 

Rilevate la misura dello spazio libero a partire dal bordo dell'ultima perlina e riportatelo su quella da tagliare longitudinalmente, non tenendo conto della presenza del dente - che va incastrato nell'ultima perlina posata.

Il taglio longitudinale di una perlina non è un lavoro difficile, ma è necesssario disporre di una sega circolare portatile o da banco: non utilizzate il seghetto alternativo in quanto non otterreste un buon risultato. Dopo il taglio inserite l'ultima perlina e bloccatela ai listelli con qualche chiodino d'acciaio senza testa, o del tipo "a testa persa".

Angoli e finiture
Negli angoli interni non vi sono problemi: le perline che convergono nell'angolo vengono accostate una di seguito all'altra. Negli angoli esterni, invece, risulterà visibile il bordo di una delle due perline adiacenti o anche entrambi i bordi.

Non preoccupatevi per questo per questo in quanto l'applicazione dei bordini di finitura occulterà questi elementi. I bordini sono di vari tipi: ad angolo convesso e concavo, di misura varia e di tonalità diversa.

Si applicano con chiodini d'acciaio e vengono tagliati alle estremità con la sega a dorso, utilizzando la pratica cassetta tagliacornici. In piccoli vani o rientranze in cui vi sono poche perline e magari anche molto corte, potete evitare di collocare i listelli ma porre le piastrine direttamente sulla parete usando chiodini d'acciaio (usate gli occhiali perchè i chiodi d'acciaio possono spezzarsi all'improvviso).


Perline inclinate: il taglio

 

Dopo aver deciso l'inclinazione (ad esempio 45 gradi) tracciate dei punti di riferimento sui due listelli che dovranno ricevere le estremità delle perline per controllare, durante la posa, se si sta lavorando correttamente.

Partite da un angolo basso, tagliando una perlina a triangolo rettangolo con i due lati inclinati uguali. Per lavorare bene, conviene che utilizziate una troncatrice perche col seghetto alternativo a mano libera è difficile ottenere un buon risultato.

Applicate questo pezzo con un paio di chiodini, posti in corrispondenza dei due listelli estremi.

Proseguite nello stesso modo tagliando perline a forma di trapezio isoscele di opportuna lunghezza ed applicandole ai listelli.

Se l'estremità libera della perlina non poggia contro una parete o contro il soffitto, tagliate a 45 gradi l'altra estremità e presentate la perlina in posizione.

Posa di perline inclinate

 

Questo tipo di disposizione risulta particolarmente interessante in quanto permette di attirare l'attenzione su zone un po' trascurate della casa. L'applicazione, pur non presentando particolari difficoltà, è un lavoro di precisione e quindi abbastanza lungo. Un effetto estetico più interessante lo si ottiene rivestendo due pareti adiacenti in modo da realizzare un angolo a linee convergenti.

I listelli
Per la posa di perline inclinate dovrete anche applicare, sulla parete, due listelli laterali, in verticale, su cui si inchioderanno le teste delle perline.

In altri termini, bisogna realizzare un vero e proprio telaio, applicato alla parete, che successivamente coprirete con le perline.
Mentre nella posa verticale la distanza di un listello dall'altro è generalmente da valutarsi sul mezzo metro, nella posa in diagonale questa distanza deve, in genere, essere anche minore, in relazione all'angolazione con cui si intendono collocare le perline. Ad esempio, per una posa con angolazione inferiore ai 45 gradi, la distanza dei listelli deve essere minore altrimenti le perline più in basso poggerebbero soltanto alle estremità.

Il lavoro e' finito

La redazione di megghy.com

Altri fai da te:

=Tipi di legno =Montare un battiscopa in legno
=Tipi di legno
=Cura e restauro del legno =Trattamento del legno
=Pulire rivestimenti e tappezzerie =Cura e restauro del legno
=Soppalco =Pulire rivestimenti e tappezzerie
=Supporto Tenda =Soppalco
=Cuccia per il cane =Supporto Tenda
=Scaffali =Cuccia per il cane
=Sgabello =Scaffali
=Scala multiuso =Sgabello
=Portarotolo carta =Scala multiuso
=Copri termosifoni =Scala multiuso
=Rinfrescare il bagno =Portarotolo carta
=Sostituire le piastrelle =Copri termosifoni
=Decorazione del bagno =Rinfrescare il bagno
=Foto su magliette =Sostituire le piastrelle
= Ghirlanda =Decorazione del bagno
=Cartolina floreale =Foto su magliette
=Fessurazione delle fiancate = Ghirlanda
=Cartolina floreale
 
   
©-2004-2008 megghy.com-Tutti i diritti sono riservati