Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Vangelo e preghiera del 21 aprile 2011

  1. #1
    L'avatar di Aylaso_
    Aylaso_ è offline Utente Premium
    Data Registrazione
    11-04-2010
    Messaggi
    1,039
    Grazie
    351
    Ringraziato 398 volte in 263 Discussioni

    Predefinito Vangelo e preghiera del 21 aprile 2011

    Giovedì Santo - Messa in Cena Domini
    Vangelo secondo Giovanni (13,1-15)


    Ascolta



    Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. Mentre cenavano, quando gia il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo, Gesù sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugatoio di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: "Signore, tu lavi i piedi a me?". Rispose Gesù: "Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo". Gli disse Simon Pietro: "Non mi laverai mai i piedi!". Gli rispose Gesù: "Se non ti laverò, non avrai parte con me". Gli disse Simon Pietro: "Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!". Soggiunse Gesù: "Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti". Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: "Non tutti siete mondi". Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: "Sapete ciò che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. Vi ho dato infatti l'esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi.

    Medita


    È il Giovedì Santo, giorno in cui la Chiesa da inizio al triduo pasquale e che vede l'esplicarsi di molti gesti.
    La mattina di questo giorno tutti i sacerdoti di ogni diocesi, si riuniscono intorno al proprio vescovo per una celebrazione eucaristica particolare, in cui vengono benedetti gli oli santi usati per l'unzione dei Catecumeni e per l'unzione degli infermi, e consacrato il Sacro Crisma l'olio utilizzato per i sacramenti del Battesimo, della Confermazione e dell'Ordine.
    E' una giornata dunque ricca di significati che incontriamo poi, nella messa in "Coena Domini", cioè l'Ultima Cena del Signore.
    La particolarità di questa celebrazione è data dal brano del vangelo che viene letto, un brano che non troviamo nei vangeli sinottici, ma che ci riporta soltanto l'evangelista Giovanni.
    Gesù, mentre cenava insieme ai suoi per l'ultima volta, con Giuda Iscariota già pronto a tradirlo, compie un gesto che riassume, come un compendio finale, tutta la sua vita, fatta di amore e servizio fedele, agli uomini e al Padre: la Lavanda dei Piedi.
    La lavanda dei piedi e l'espressione più alta del vangelo di Gesù, è la sintesi perfetta, in cui mette se stesso nella condizione del servizio, anche quello più umiliante che era proprio dei servi di ogni casa: lavare i piedi dei commensali. Ma fa anche di più, ad ogni Apostolo bacia anche i piedi, per rendere ancora più forte e indelebile il senso dell'azione compiuta: la carità è l'apice dell'amore,è il fulcro di ogni agire per chi vuol seguire il vangelo di Cristo, per chi vuol rimanere davvero alla sua sequela.
    Servire gli altri con umiltà e semplicità significa mettere il prossimo sul gradino più alto delle nostre priorità, significa glorificate i piccoli, i poveri, gli ultimi, insomma tutti coloro che Dio ama infinitamente.


    Dacci tanta fiducia

    Cristo, tu sei
    tutta la nostra speranza:
    ogni grazia ci viene
    per mezzo del tuo amore,
    della tua morte e risurrezione.
    Insegnaci, Signore, a pregare,
    ad esprimere
    nella preghiera di supplica
    la nostra fiducia,
    nella preghiera di ringraziamento
    l'accoglienza dei tuoi doni.

    Dacci tanta fiducia
    e così grande gratitudine
    da accogliere ogni momento
    della nostra vita
    come un invito e un'occasione d'essere
    per il nostro prossimo
    strumenti di pace,
    segni di speranza.

    BERNHARD HARING

    ___________________________
    Fonte: Ogni Giorno una preghiera - Il Vangelo del giorno con il commento - Vangelo On_Line - Vangelo di oggi, Vangelo di Luca, Vangelo di Giovanni, Vangelo di Marco , Vangelo di Matteo - 5 minuti di relax - corsi di formazione Uff. Catechistico Teologia e c
    Ultima modifica di Aylaso_; 21-04-2011 alle 12:17 Motivo: Aggiunta testo
    Il mio BLOG: Di tante cose
    Tutti i miei lavori: Clicca quì







  2. I seguenti 4 utenti ringraziano Aylaso_ per questa discussione:

    CIANA (21-04-2011), MARYB (22-04-2011), morgana bell (21-04-2011), sandra 24 (21-04-2011)

Discussioni Simili

  1. Vangelo e preghiera del 18 aprile 2011
    Di Aylaso_ nel forum Religione
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-04-2011, 00:52
  2. Vangelo e preghiera del 15 aprile 2011
    Di Aylaso_ nel forum Religione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-04-2011, 09:39
  3. Vangelo e preghiera del 12 aprile 2011
    Di Aylaso_ nel forum Religione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-04-2011, 09:28
  4. Vangelo e preghiera del 8 aprile 2011
    Di Aylaso_ nel forum Religione
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12-04-2011, 00:55
  5. Vangelo e preghiera del 11 aprile 2011
    Di Aylaso_ nel forum Religione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-04-2011, 09:47

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •