partiamo col primo post per festeggiare la nuova sezione.

Iniziamo col dire che in effetti la prima cosa che si fa, dopo essersi guardate allo specchio, di dire semplicemente " ho messo su' qualche chilo... forse meglio che mi metta a dieta" o per chi puo' permetterselo " meglio se vado in un centro estetico per fare qualche massaggio" .... e fin qui tutto giusto, ma la maggior parte delle volte, per alcune donne( ragazze) al fondo di tutto questo vi uno squilibrio psico-fisico.
Purtroppo nella societ di oggi vi uno standard per le donne: per trovare un lavoro bisogna essere di bella presenza, poco importa che tu sia laureata o meno ( la maggior parte delle laureate o laureati finiscono in un negozio di abbigliamento) importa che tu abbia un po di curve al punto giusto, che tu sia di media altezza, snella;
a quel punto ognuna di voi cosa penserebbe di loro?
e molto piu' importante cosa pensereste di voi stesse?
una persona forte si rimboccherebbe le maniche e non si perderebbe d' animo... e una persona insicura, debole, gia piena di problemi?
un senso di inadeguatezza, di odio verso il proprio corpo o semplicemente una rabbia, un rancore che tante volte impossibile tirare fuori.
Tutto questo purtroppo succede realmente e la maggior parte delle volte influisce sul nostro corpo, magari non facciamo caso a quel mal di pancia, a delle piccole bolle che dopo vari mesi potrebbero venir fuori, a quel capello bianco spuntato cosi' precocemente,a quella fame improvvisa, a quei chili di troppo, o magari non riuscire a perdere peso, a piangere senza un reale motivo; tutti questi sintomi vengono raggruppati in un unica parola " Psicosomatica"

La psicosomatica quella branca della medicina che pone in relazione la mente con il corpo , ossia il mondo emozionale ed affettivo con il soma (il disturbo), occupandosi nello specifico di rilevare e capire l'influenza che l'emozione esercita sul corpo e le sue affezioni.

In passato si parlava di psicosomatica riferendosi ad essa solo in relazione a quelle malattie organiche la cui causa era rimasta oscura e per le quali (quasi per esclusione) si pensava potesse esistere una genesi psicologica. Oggi al contrario si parla non solo di psicosomatica, ma di un'ottica psicosomatica corrispondente ad una concezione della medicina che guarda all'uomo come ad un tutto unitario , dove la malattia si manifesta a livello organico come sintomo e a livello psicologico come disagio, e che presta attenzione non solo alla manifestazione fisiologica della malattia, ma anche all'aspetto emotivo che l'accompagna.

Quali sono i disturbi e le malattie psicosomatiche piu' diffuse?
i disturbi dell'alimentazione che si evidenziano intorno ai due eccessi rappresentati dall'anoressia e dalla bulimia con conseguente obesit;
le malattie e i sintomi psicosomatici a carico del sistema gastrointestinale;
le malattie e i sintomi psicosomatici a carico del sistema respiratorio;
le malattie e i sintomi psicosomatiche a carico del sistema cardiovascolare;
le malattie e i sintomi psicosomatici relativi al sistema cutaneo ad esempio la psoriasi, l'eritema pudico (rossore da emozione), l'acne, la dermatite atopica, il prurito, la neurodermatosi, l'iperidriosi, l'orticaria, la canizie, la secchezza della cute e delle mucose, la sudorazione profusa;
le malattie e i sintomi psicosomatici relativi al sistema muscoloscheletrico;
le malattie e i sintomi psicosomatici relativi al sistema genitourinario ad esempio dolori mestruali, disturbi minzionali, enuresi, impotenza;
le malattie e i sintomi psicosomatici relativi al sistema endocrino


Re-capitolando: prima di iniziare a fare qualsiasi cosa , massaggi, diete, etc, cercate di essere in pace con voi stesse, poich purtroppo la psiche influenza molto il corpo e delle persone sfiduciate, probabilmente non vedranno effetti sul proprio corpo... forza ragazze... riconoscere un sintomo psicosomatico, porta alla "guarigione" del problema.
...
proviamo a parlarne.. si faccia avanti chi ha gia avuto un fatto simile e vuole aiutare le altre a superarlo, parlarne un' altro passo avanti


(il tutto elaborato dalla mia dispensa)