Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Venerdý Santo

  1. #1
    L'avatar di anna lela
    anna lela Ŕ offline Moderatrice
    Data Registrazione
    09-08-2010
    LocalitÓ
    provincia di modena
    Messaggi
    12,865
    Grazie
    4,923
    Ringraziato 14,390 volte in 5,336 Discussioni

    Predefinito Venerdý Santo

    Il Venerdý Santo Ŕ il venerdý che precede la Pasqua cristiana.
    In questo giorno i cristiani commemorano la Passione e la Crocifissione di Ges¨ Cristo. Questa ricorrenza viene osservata con speciali pratiche e riti dai fedeli di molte confessioni cristiane.La data del Venerdý Santo Ŕ mobile in quanto collegata con la data della Pasqua. Essendo la Pasqua celebrata in giorni diversi nella Chiesa cattolica e nella Chiesa ortodossa, anche la data del Venerdý Santo non coincide nelle varie tradizioni ecclesiastiche. In certe Nazioni, come la Germania e la Svizzera (ad eccezione del Ticino e Vallese) questo giorno Ŕ considerato festivo.
    Per la Chiesa cattolica, il Venerdý Santo Ŕ il giorno della morte di Ges¨ Cristo, secondo giorno del Triduo Pasquale, che segue il giovedý santo. Come nel Mercoledý delle Ceneri, i fedeli dai 14 anni di etÓ sono invitati all'astinenza dalla carne (sono ammessi uova e latticini), e quelli dai 18 ai 60 anni al digiuno ecclesiastico, che consiste nel consumare un solo pasto (pranzo o cena) durante la giornata (Ŕ ammessa, oltre a questo, una piccola refezione).Il digiuno si compie in segno di penitenza per ipeccati di tutti gli uomini, che Ges¨ Ŕ venuto ad espiare nella Passione, ed assume inoltre il significato mistico di attesa dello Sposo, secondo le parole di Ges¨ (Matteo 9,15); lo Sposo della Chiesa, cioŔ Cristo, viene tolto dal mondo a causa del peccato degli uomini, ma i cristiani sono invitati a preparare con il digiuno l'evento gioioso del suo ritorno e della liberazione dalla morte; questo evento si attua non solo nel memoriale della sua resurrezione, la domenica di Pasqua, ma anche nella continua venuta del Signore nel cuore dei fedeli che sono pronti ad accoglierlo e a morire con lui al peccato per risorgere ad una vita nuova, e infine nell'ultima venuta di Ges¨ nella gloria alla fine dei tempi.

    Non si celebra l'Eucaristia: infatti durante la celebrazione liturgica pomeridiana del Venerdý santo si distribuisce l'eucaristia consacrata il giorno precedente, il Giovedý Santo (Celebrazione In Coena Domini), in cui si ricorda l'ultima cena del Signore con i discepoli e il tradimento di Giuda. La liturgia inizia nel silenzio, come si era chiusa quella del giorno precedente e come si apre quella della veglia di pasqua nella notte del sabato santo, quasi a sottolineare come il triduo pasquale sia un'unica celebrazione per i Cristiani.
    La liturgia Ŕ incentrata sulla narrazione delle ultime ore della vita terrena di Ges¨ secondo il Vangelo di Giovanni e sull'adorazione della croce, molto importante, in questo giorno. La croce non Ŕ un semplice strumento di tortura, ma Ŕ segno dell'amore che Dio nutre verso gli uomini. Con la croce Dio riporta la vita vera nel mondo, con la croce Dio insegna all'uomo ad amare. I cristiani in questo giorno sono invitati ad adorare la croce di Cristo e a non vivere rassegnati dinanzi alle proprie croci di ogni giorno, perchÚ solo morendo si risuscita a vita eterna.
    In questo giorno si celebra in modo "solenne" anche la Via Crucis.
    Il Venerdý Santo le campane, che tradizionalmente richiamano i fedeli alla celebrazione dell'Eucaristia, non suonano in segno di lutto. Occorre per˛ precisare da quale momento, in quanto si riscontrano tradizioni differenti a seconda dei diversi riti cattolici. Secondo il rito romano le campane suonano per l'ultima volta la sera del giovedý santo, e precisamente al canto del Gloria della S. Messa, per poi tornare a suonare a festa durante la Veglia Pasquale, sempre al canto del Gloria, come segno dell'annuncio dei Cristiani della resurrezione del Signore. Nel rito ambrosiano, invece, le campane suonano sino all'annuncio della morte del Signore: le ore 3 del pomeriggio del Venerdý santo. DopodichÚ tacciono fino alla veglia pasquale.










    LA CIVILTA' DI UN POPOLO SI MISURA NEL MODO IN CUI TRATTA GLI ANIMALI




    (M. Gandhi)



  2. I seguenti 2 utenti ringraziano anna lela per questa discussione:

    ciciula (06-04-2012), nadiaama (06-04-2012)

Discussioni Simili

  1. giovedý santo 5-4-12
    Di CIANA nel forum Religione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-04-2012, 09:27
  2. santo stefano
    Di CIANA nel forum Almanacco
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-12-2011, 11:01
  3. Il santo di oggi: Santo Aldo!
    Di min¨ nel forum Almanacco
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 11-01-2011, 05:52
  4. Il Santo di oggi Ŕ Giovanni!!!
    Di Mal¨ nel forum Almanacco
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 24-06-2010, 23:56
  5. 2 aprile 2010 venerdý Santo
    Di alisanna72 nel forum RS 2010
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 02-04-2010, 17:22

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •